Archistart

1 1649 0

Il waterfront di San Salvo_nuove riconversioni tra sistemi naturali e sistemi urbani

ATA2017

Il progetto delinea un percorso di rigenerazione urbana e paesistica per il territorio di San Salvo, nel comprensorio del Trigno-Sinello in Abruzzo. Lo scenario di trasformazione proposto ha portato all’individuazione di un percorso mare-campagna che punta alla riscoperta del patrimonio agricolo locale. A tal fine si è scelto di recuperare le aree di attesa presenti lungo questa direttrice dando così vita ad un expo itinerante che a partire dal waterfront coinvolge l’intero territorio comunale. Per una maggiore efficacia dell’intervento si è intervenuti anche alla scala architettonica con l’insediamento di tre edifici complementari per funzione e struttura: il Mercato, il Consorzio Agrario e l’Istituto Tecnico Agrario.


Il progetto riqualifica lo spazio pubblico della marina di San Salvo. L'area che oggi si presenta in molti punti degradata e casuale è estesa per circa 2,5km e delimitata dalla strada statale adriatica SS16. La marina è composta da entità diverse: la macchia litoranea con le caratteristiche dune sabbiose, zone edificate ed aree vuote. Il carattere predominante è una forte stagionalità: popoloso e congestionato in estate, privo d'identità in inverno. Da questa premessa nasce l'idea di una riqualificazione urbana ed ambientale che mira alla creazione di una nuova identità morfologica e funzionale del lungomare. Le principali azioni hanno riguardato: il ripristino del paesaggio altimetrico naturale con ripascimento, nei tratti di spiaggia libera, attraverso il posizionamento delle dune che hanno non soltanto finalità ludiche ma anche di protezione della spiaggia dall'erosione delle mareggiate e dei venti; la razionalizzazione del sistema della mobilità, con il declassamento di alcune infrastrutture a favore di una mobilità ciclabile; la tutela delle residue aree di pineta esistenti; infine l'inserimento di una serie di attrezzature lungo il percorso pedonale, come campetti sportivi, punti bike-sharing, aree pic-nic in modo da creare aree di sosta e di gioco lungo tutto il waterfront.


Lo spazio pubblico entra all'interno del progetto. I tre volumi, il Mercato, il Consorzio Agrario e l'Istituto Tecnico Agrario sono pensati in continuità con la riorganizzazione del lungomare. Sono infatti uniti in quota da 'elementi ponte' che liberano quella urbana. L'introduzione di un servizio di quartiere come il Mercato diventa uno spazio in grado di superare la stagionalità della realtà balneare: il progetto punta alla valorizzazione della tradizione agricola della città e alla riscoperta delle produzioni tipiche coltivate nell'ottica del km0. L'architettura si esprime attraverso pannellature in legno e schermature in alluminio e vuole richiamare la vocazione tipicamente industriale di questo luogo. Si è scelto di inserire il Consorzio Agrario per aiutare i produttori in tutto ciò che è utile per l'agricoltura. L'organismo edilizio è parte integrante di un sistema polifunzionale, si collega agli altri due edifici tramite elementi sospesi: uno di questi è l'auditorium che si distingue per forma e materiali diventando un landmark. Infine l'Istituto Tecnico Agrario è concepito per favorire l'ingresso di agricoltori adeguatamente qualificati nel settore e in particolare il ricambio generazionale. Ospita all'interno aule/laboratori per la didattica e una biblioteca fruibile durante tutto l'anno e a servizio della comunità.



The Board:
Il waterfront di San Salvo_nuove riconversioni tra sistemi naturali e sistemi urbani Board
Share Project
Like Project
avatar

13 Aprile

Recent Works