Archistart

1 50 0

Nuovo polo scolastico a Cupramontana

ATA2019

Il progetto di laurea parte dal concorso di idee per la progettazione del nuovo polo scolastico nel comune di Cupramontana, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia nel 2016. L’edificio che ospita la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado è stato dichiarato, con scheda AeDES, parzialmente inagibile. I ripetuti sismi hanno tuttavia reso necessaria la realizzazione di una nuova struttura che ospitasse la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado per l’Istituto Comprensivo “L. Bartolini”, delocalizzata rispetto all’attuale posizione, ma in modo da creare un’unica area in cui sono concentrate tutte le strutture scolastiche al fine anche di ottimizzare i trasporti e gli spostamenti.


Obiettivo dell'Amministrazione del Comune di Cupramontana è la realizzazione di un polo scolastico innovativo da un punto di vista didattico, architettonico, impiantistico, tecnologico, dell'efficienza energetica e della sicurezza strutturale e antisismica. Obiettivi posti in fase di progettazione: -rispettare il miglior rapporto tra benefici e costi globali di costruzione, manutenzione e gestione. -massimo utilizzo di risorse rinnovabili e a basso consumo energetico; -utilizzo di soluzioni tecniche di massima facilità ed economicità di manutenzione, durabilità dei materiali e dei componenti, sostituibilità degli elementi, compatibilità dei materiali ed agevole controllabilità delle prestazioni dell’opera nel tempo. -utilizzo di soluzioni che garantiscano la migliore sicurezza strutturale e antisismica -la distribuzione degli spazi interni e la definizione di quelli esterni dovranno garantire un’offerta didattica innovativa e versatile, in modo da adattarsi l’evolversi delle esigenze dell’Istituto comprensivo e garantire un uso flessibile degli spazi atti anche ad ospitare eventuali attività extrascolastiche, garantendo comunque l’espletamento delle funzioni specifiche di ciascuna scuola. -la ridefinizione di spazi esterni deve offrire la possibilità di realizzare attività di laboratorio all'aperto e di socializzazione anche in funzione di un uso extra scolastico;


Il progetto deve tener conto di nuove sollecitazioni derivanti dall'affermazione di una didattica basata sulla sperimentazione e sui laboratori (informatici, teatrali, artistici, musicali, linguistici, naturalistici, tecnologici ecc.), che impone la previsione di spazi dedicati (“break out”) attrezzati e interagenti e di ambienti specialistici, ricavati anche all'esterno dell’edificio. La tipologia scelta è di tipo IBRIDO: Tale tipologia si differenzia notevolmente con l’impianto razionalista della scuola a blocco, introducendo concetti quali la ripetibilità di nuclei base e individuando nuovi spazi funzionali nell'ottica di una progressiva crescita dell’edificio nel tempo, in relazione alle sempre nuove esigenze pedagogiche e demografiche. Nella fase progettuale, particolare attenzione è stata posta ai percorsi di avvicinamento e di accesso, alla soglia in quanto limite/ introduzione, alla connessione con il luogo circostante. Il complesso poggia su un sito con quote altimetriche differenti, da cui emerge imitando l’irregolarità della natura circostante, alludendo all'azione erosiva del tempo e del clima. La distribuzione planimetrica dell’edificio è stata organizzata in modo da costruire una stretta relazione fisico/visivo/funzionale con lo spazio aperto.



The Board:
Nuovo polo scolastico a Cupramontana Board
Share Project
Like Project