Archistart

50 2017 0

Matera, analisi critica e strategie di valorizzazione del territorio

ATA2018

Matera è il risultato di stratificazioni architettoniche che si sono sedimentate nel corso dei secoli e non sempre sono oggi facilmente riconoscibili. Questa tesi propone un lavoro di scomposizione che indaga le dinamiche generatrici di ogni fase storica e le modificazioni successive, sino ad arrivare a comprendere la città ed il territorio odierni. Ricostruito sulle tracce degli antichi tratturi, un nuovo percorso attraversa per 37 km l’agro e la città. Piccoli interventi ritagliano particolari vedute: esse sono pensate per evocare paesaggi dimenticati, per osservare il sito o provocare sensazioni che permettano una lettura consapevole e un’interpretazione inedita della storia di Matera.


Questo studio prende in esame l’area di Matera, non soltanto la città ma anche e soprattutto il Parco della Murgia materana, separato dalla città dal torrente Gravina di Matera. Questo ha scavato, nel corso del tempo, la roccia calcarea tipica della Murge fino a formare oggi un vero e proprio canyon. Ai suoi lati, lo strato più tenero di calcare, esposto dall’erosione, ha reso possibile fin da tempi antichi l’insediamento umano. Sistemi di grotte, cisterne, stalle e chiese sono visibili ancora oggi. L’abilità delle popolazioni locali di sfruttare a proprio vantaggio la geomorfologia del territorio per sopravvivere e la stretta relazione tra geologia, paesaggio e insediamento umano ha permesso ai Sassi di Matera di entrare nel 1993 nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco. Negli ultimi anni Matera ha conosciuto una forte crescita del turismo di massa che si è concentrato soprattutto nell’area dei Sassi. Sebbene per molti aspetti positivo, questo fenomeno sta velocemente trasformando in maniera irreversibile il centro storico della città: questo lavoro vuole essere un contributo per trovare una soluzione al problema, dirottando il flusso turistico verso un’area più ampia, ad oggi poco conosciuta.


Il progetto da noi proposto è un percorso lungo 37 km che pone idealmente in relazione fasi storiche che più hanno inciso sulle trasformazioni di questo territorio. Il percorso si snoda attraverso il Parco della Murgia materana e parte della città, assumendo come direttrice principale il torrente Gravina di Matera. Sono previsti tre attraversamenti trasversali, che gli conferiscono una conformazione ad anello, e due Porte d’accesso - una a Nord ed una a Sud. Piccoli progetti sono pensati per articolare l’intero percorso e per guidare il visitatore e si articolano in interventi per riconnetere, per osservare e per sostare. L’intero percorso, troppo lungo per essere affrontato in una giornata, può essere suddiviso in tre parti: il pianoro arido, le aree coltivate e la città. Ognuno di questi comprende a sua volta degli itinerari tematici: - Il complesso rupestre di Madonna delle Vergini (4,2 km) - Il Villaggio Saraceno (1,6 km) - I Sassi (2,5 km) - Le cave di tufo (1,4 km)



The Board:
Matera, analisi critica e strategie di valorizzazione del territorio Board
Share Project
Like Project
avatar

PVA

Recent Works