Archistart

9 415 0

CHIESA MADONNA DELLA MERCEDE A LEONFORTE | Restauro, Revisione e Progettazione

ATA2020

Quella che poi sarà la Chiesa della Mercede nacque intorno al 1660 circa, ubicata all’interno del centro storico del Comune di Leonforte.
Ancora oggi la fabbrica architettonica, sostanzialmente, si presenta a pianta rettangolare ad una sola navata con abside e campanile, trovandosi, in uno stato conservativo pessimo.
Sulla base di queste informazioni è stato possibile catalogare i materiali, studiarne le cause di deterioramento, identificare le forme di degrado presenti, prevedere lo svolgimento di indagini diagnostiche in sito e di conseguenza, scegliere le tecniche più di idonee di restauro.
Infine, si è cercato di affrontare la delicata questione della revisione delle coperture, con l’inserimento di un nuovo elemento strutturale.


Quella che poi sarà la Chiesa della Mercede nacque a metà del '600, durante il governo del Principe Giuseppe Branciforti, figlio del fondatore di Leonforte. Inizialmente non fu una vera e propria Chiesa, ma un locale adibito ad Oratorio; della venerabile compagnia Maria SS degli Agonizzanti, composta da Sacerdoti che si occupavano della cura spirituale di chi era prossimo alla morte, per lo più praticavano nell'ospedale della Cuticchiata, istituito dal nicosiano G.B. Falciglia, nelle case di paese o in quelle di campagna che al tempo erano la stragrande maggioranza. Di questa Chiesa si sa ben poco, l’edificio si mostra con le sue aggraziate fogge barocche, e si uniforma per decorazione, materiali e tecniche costruttive all'architettura monumentale del paese antico; presenta una facciata decorata e ben proporzionata, a pianta rettangolare, ad una sola navata con abside ed è impreziosita da bellissimi stucchi. Lo stato di conservazione del manufatto architettonico oggetto di studio rivela la presenza di una molteplicità di patologie di degradi e alterazioni. Dopo un’ attenta indagine visiva si evince un pessimo stato di manutenzione della Chiesa della Madonna Della Mercede, la quale non risulta connessa a complessi fenomeni di dissesti strutturali. Attraverso gli elaborati fotogrammetrici è stato possibile mettere in evidenza i fenomeni di degrado mediante una mappatura simbolica e le rispettive cause degli stessi.


Durante lo sviluppo del progetto di restauro, è stata affrontata la delicata questione della revisione delle coperture, le quali, allo stato attuale, rischiano di compromettere la vita stessa della fabbrica architettonica. Il manto, di fatto, poggia direttamente sulla volta reale a botte, che rappresenta sostanzialmente l’elemento sommitale di chiusura della scatola muraria; questo sistema di posa, considerato che la volta è realizzata con materiali poveri del tempo e con uno spessore molto limitato, in caso di sisma di notevole entità, potrebbe provocare il collasso della stessa. Data la particolare vulnerabilità della copertura oltre a prevedere opportuni interventi di rinforzo della volta, si è pensato di inserire delle capriate in acciaio, che hanno la funzione di scaricare la volta dal peso della copertura. Le capriate, avranno una conformazione tale da posizionarsi nell’estradosso della volta poggiandosi sui muri perimetrali della fabbrica architettonica. Gli elementi costituenti la capriata sono stati assemblati tramite bullonatura. Le nuove capriate saranno fissate ad un cordolo realizzato con mattoni pressati in cotto per tutto il perimetro della struttura, nell’estradosso della volta si potrà intervenire rinforzandola, mediante strisce di tessuti fibrorinforzati. Dopo il dimensionamento della capriata con l’ausilio di un programma di analisi, è stato possibile effettuare la verifica degli elementi costituenti la capriata.



The Board:
CHIESA MADONNA  DELLA MERCEDE A LEONFORTE | Restauro, Revisione e Progettazione Board
Share Project
Like Project

Corrado Castro

[pro_ad_display_adzone id='2269' ajax_load='1' info_text='Advertisement' info_text_position='' font_color='#' font_size='11']

Recent Works